I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok

Garanzie alle cooperative della Toscana

Torna alla mappa delle aree

In Toscana si puo' usufruire di  importanti protocolli di intesa tra Regione Toscana e banche, in virtù dei quali è stato possibile valorizzare la messa a disposizione di forme di garanzia pubblica concordando plafond, procedure e condizioni massime di tasso per il migliore accesso al credito delle PMI.

Con l'adesione al protocollo Toscana Muove Cooperfidi inoltre e' in grado di prestare servizi accessori alle PMI quali  supporto informativo e assistenza tecnica nella compilazione delle domande di accesso ai Fondi di Garanzia, attività propedeutica alla richiesta di controgaranzia a valere su altri fondi nazionali e comunitari:

Contratto di subbalpalto Toscana Muove.pdf

Tra le misure gestite dalla RTI con capogruppo Fidi Toscana, nell'ambito dell'iniziativa Toscana Muove, si evidenziano le seguenti:

Fondo di Garanzia - Sostegno all'imprenditoria giovanile, femminile e ai lavoratori già destinatari di ammortizzatori sociali. Il Fondo di garanzia intende agevolare la realizzazione di progetti d'investimento con l'obiettivo di sostenere la nuova impreditorialità e contribuire allo sviluppo dell'occupazione, adeguandola alle nuove condizioni di mercato. Data inizio presentazione domande: 01/09/2014.

Fondo Unico Rotativo per Prestiti (FURP). Il Fondo intende agevolare la realizzazione di progetti d'investimento nella forma di finanziamento a tasso zero pari al: 60% del programma di investimento ammesso all'agevolazione; mentre per le imprese giovanili e femminili, così come definite dalla L.R. 21/08, è pari al 70% del programma di investimento ammesso all'agevolazione. Limitatamente alle società di capitali, il finanziamento può assumere anche la forma di prestito partecipativo a tasso zero pari al 100% del valore dell'aumento di capitale sottoscritto. Data inizio presentazione domande: 01/09/2014.

Fondo di Garanzia - Sostegno agli investimenti delle pmi dei settori industria, artigianato, cooperazione e altri settori. Il Fondo di garanzia intende agevolare la realizzazione di progetti d'investimento con l'obiettivo di favorire la competitività del sistema produttivo regionale. Data inizio presentazione domande: 01/09/2014.

Fondo di Garanzia - Sostegno alla liquidità delle pmi dei settori industria, artigianato, cooperazione e altri settori. Il Fondo di garanzia intende agevolare l'accesso al credito per la liquidità delle imprese con l'obiettivo di favorire la competitività del sistema produttivo regionale. Data inizio presentazione domande: 01/09/2014.

Fondo di garanzia per energie rinnovabili. Il Fondo prevede la concessione di agevolazioni a garanzia di operazioni finanziarie finalizzate alla realizzazione di investimenti volti alla riqualificazione energetica e all’istallazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili, a valere sul “Fondo di garanzia per energie rinnovabili”, istituito con legge la regionale del 27 dicembre 2011, n.66. Possono beneficiare della garanzia : a. le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte alla CCIAA e non in difficoltà ai sensi della Comunicazione Ue 2004/C 244/02; b. gli enti locali; c. le aziende sanitarie ed ospedaliere; d. le associazioni che svolgono attività assistenziali, culturali e ricreative senza fini di lucro con o senza personalità giuridica; e. le associazioni e società sportive dilettantistiche costituite nelle forme stabilite, all’art. 90, comma 17, della legge 27 dicembre 2002, n.289; f. le persone fisiche. Le MPMI ammissibili alla garanzia sono quelle operanti nelle seguenti sezioni della Classificazione delle attività economiche Ateco Istat 2007: A – Agricoltura, silvicoltura (ad esclusione della pesca); B – Estrazione di minerali (ad esclusione dei codici 05 , 05.10, 05.20, 08.92.0); C – Attività manifatturiere (ad esclusione di: 19.1); D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata; E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento; F – Costruzioni; G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli; H – Trasporto e magazzinaggio; I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione; J – Servizi di informazione e comunicazione; M – Attività professionali, scientifiche e tecniche; N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese (limitatamente a: 77.3, 81, 82); Q – Sanità e assistenza sociale (ad esclusione di 86.1); R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento; S – Altre attività di servizi (limitatamente a 96.01, 96.02). Sono ammesse alla garanzia le operazioni finanziarie finalizzate alla realizzazione di investimenti volti alla riqualificazione energetica e all’installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili. Gli investimenti devono essere realizzati in Toscana successivamente alla data di presentazione della richiesta di garanzia. La garanzia è rilasciata a favore dei soggetti finanziatori per un importo massimo garantito non superiore all’80% di ciascuna operazione finanziaria. 

Fondo di garanzia per i lavoratori non a tempo indeterminato. Il fondo speciale rischi, costituito dalla Regione Toscana, è dedicato alla prestazione di garanzie a favore di lavoratori non in possesso di contratto a tempo indeterminato. Prevede quindi la concessione di garanzie finalizzate ad agevolare l’accesso al credito da parte dei lavoratori non in possesso di un contratto a tempo indeterminato. Possono beneficiare della garanzia del Fondo i lavoratori residenti in Toscana titolari di un rapporto di lavoro non a tempo indeterminato in condizioni di vigenza o che nei 6 mesi antecedenti la richiesta abbiano avuto in corso un contratto di tale tipologia. La garanzia è rilasciata a favore dei soggetti finanziatori per un importo massimo garantito non superiore all’80% dell’importo di ciascun finanziamento. Il Fondo garantisce finanziamenti per un importo massimo complessivo di 15.000 Euro per lavoratore, al netto del capitale rimborsato. I finanziamenti devono avere una durata non inferiore a 18 mesi e non superiore a 60 mesi.

Per maggiori informazioni: Toscana Muove

Fondo Regione Toscana
(Formato PDF, 68 KB)
SOSTENITORI